Il passaggio dal CAD al BIM con ARCHLine.XP

Questa è una guida pratica su come utilizzare le proprie competenze CAD, acquisite in anni di lavoro, quando si lavora con ARCHLine.XP. Vale la pena leggere questo articolo anche se non ti ritieni un esperto CAD, è una buona occasione per conoscere quali sono le differenze / somiglianze tra i prodotti software. L'argomento di oggi è “suggerimenti e trucchi per gli utenti di AutoCAD®.”

Principali differenze tra ARCHLINE.XP e AUTOCAD®:

IL FOCUS

ARCHLine.XP è un software di progettazione "3 in 1", ottimizzato per l'architettura, la progettazione degli spazi interni, e la modellazione parametrica di componenti per l’arredamento: è un software che racchiude tutte le funzionalità pertinenti per le esigenze di queste professioni. La gamma di prodotti AutoCAD®, d'altro canto, ha un focus generale più ampio (con molti tipi di prodotti specializzati disponibili). Sarebbe abbastanza difficile ricoprirli tutti, quindi esamineremo la semplice edizione AutoCAD® "LT".

IL METODO

ARCHLine.XP supporta un metodo di lavoro basato su modello 3D - invece di disegnare linee, polilinee, archi e simboli come faresti in AutoCAD®, ARCHLine.XP ti consente di lavorare con entità architettoniche e altri oggetti con un metodo secondo cui "ciò che vedi è ciò che ottieni ". Questo potrebbe effettivamente essere più facile da capire per coloro che non hanno competenze CAD. Un esempio del perché la distinzione tra elementi costruttivi e disegni a linee è rilevante potrebbe essere questa: un muro composito in ARCHLine.XP è disegnato come un oggetto 3D intelligente e parametrico, mentre in AutoCAD® sarebbe un blocco di disegno 2D a linee. Entrambi sono metodi adatti per giungere alla corretta rappresentazione del muro, attraverso la simbologia del disegno tecnico, ma in un caso si tratta di sostituire la “penna” con dei tratti digitali, nell’altro di utilizzare elementi “intelligenti”, correlati tra loro che possono essere modificati mediante l’uso di parametri. Quest’ultimo concetto è alla base del BIM.

WORKFLOW BIM

ARCHLine.XP consente di generare un modello centrale (BIM) dal quale provengono tutti i calcoli, le stime, le prese di quantità, le sezioni, le quote. AutoCAD® genera disegni a linee, da cui se è necessario estrarre dati non geometrici, è necessario ulteriore lavoro in altri software.

LICENZE

ARCHLine.XP offre licenze perpetue acquistabili con un pagamento una tantum, mentre AutoCAD® è disponibile solo tramite la licenza di abbonamento. È in corso un dibattito su quale sia il miglior metodo di fornitura, ma dipende in gran parte dall’ambito in cui lo studio lavora, dalle sue dimensioni e le sue esigenze.
Vediamo ora di scomporre le caratteristiche di ARCHLine.XP, una per una per vedere dove si trovano le ulteriori somiglianze / differenze.

INTERFACCIA D’USO

Esistono notevoli somiglianze per quanto riguarda l'interfaccia d’uso tra ARCHLine.XP e AutoCAD.
Entrambi i software hanno la moderna schermata iniziale / barra multifunzione ribbon, in modo da poter accedere facilmente ai progetti recenti e trovare quello che stai cercando. È importante sapere che ARCHLine.XP differenzia gli strumenti per i disegni 3D e 2D. Quasi tutti i comandi, le entità sono per la modellazione 3D, mentre gli strumenti di disegno convenzionali (2D) sono disponibili nel menu Disegno-2D. Se stai cercando strumenti CAD che conosci e utilizzi in AutoCAD®, è qui che li trovi.

dal cad al bim 1

The Drafting menu with known CAD features

Anche i metodi d’uso CAD standard e le principali scorciatoie funzionano in ARCHLine.XP: ad esempio, doppio clic sulla rotella del mouse per adattare il disegno allo schermo, click singolo sulla rotellina del mouse per il PAN…
La selezione bidirezionale, che conosci AutoCAD® (blu e verde), è supportata anche in ARCHLine.XP. Il software offre la selezione-rettangolo come impostazione predefinita, lo strumento Lazo può essere trovato nel menu Opzioni di selezione / Lazo. Una volta avviato, ARCHLine.XP si apre con una vista multifunzionale. Troverai un navigatore di progetto, una scheda delle proprietà, 2D e successive, una finestra 3D (al contrario della vista monofunzionale di AutoCAD®)
Analogamente a come la navigazione del disegno in AutoCAD® viene eseguita con ViewCube® - ARCHLine.XP ha la sua Navi-Bar, che offre anche visualizzazioni, prospettive, orbita, ecc.

dal cad al bim 6

The navi bar's preset views help to better manage your models

AutoCAD® raggruppa i suoi layout di progetto nella parte inferiore. ARCHLine.XP ha le viste e i layout salvati nel suo Gestore-Progetto.
Per riassumere, sia AutoCAD® che ARCHLine.XP utilizzano convenzioni di interfaccia e di navigazione standard del settore. Le funzionalità, in cui differisce ARCHLine.XP, sono dovute al fatto che il software si concentra principalmente sul flusso di lavoro BIM.

GESTIONE LAYER

ARCHLine.XP utilizza convenzioni per i Layer simili a quelle di AutoCAD®, ad esempio: lo spostamento di un elemento in un nuovo Layer avviene facendo clic sull'elemento e selezionando il Layer desiderato. In ARCHLine.XP diverse entità o oggetti, vengono assegnati per impostazione predefinita a diversi Layer. Entrambi i software offrono il Layer-Walk per una migliore esplorazione del progetto. Quando un disegno viene importato da AutoCAD® a ARCHLine.XP, i layer AutoCAD® vengono visualizzati in ARCHLine.XP (il programma separa anche i layer importati, per una migliore gestione dei disegni). Fondamentalmente, la gestione dei Layer è simile in entrambi i software poiché queste pratiche seguono gli standard del settore.

dal cad al bim 3

ARCHLine.XP Layer Manager - everything is put on separate layer, and you can toggle between all layers, and the ones you actually use

DISEGNO E SCORCIATOIE

Gli strumenti pensati per aiutarti a creare bozze 2D e 3D seguendo convenzioni simili.
Snap: le opzioni di snap ARCHLine.XP possono essere trovate nel menu in basso, verso il lato destro. L'icona “Magnete” attiva / disattiva lo snap. Inoltre, opzioni di snap simili sono offerte come in AutoCAD®.
Disegno 2D: polilinea, arco, raccordo, ecc. Sono supportati anche in ARCHLine.XP. Sebbene, ARCHLine.XP si concentri principalmente sul 3D e sul disegno mediante l’uso di entità parametriche, e non mediante l’uso di linee semplici, ci sono scenari (creazione di profili di muri, aggiunta di disegni ai layout di stampa, ecc.) che rendono l’uso di strumenti 2D un vantaggio.
Tasti di scelta rapida: come tutti i software CAD, ARCHLine.XP fa anche un uso estensivo di tasti di scelta rapida, ad esempio: i tasti SHIFT bloccano la modalità Orto sia in AutoCAD® che in ARCHLine.XP. Se ci sono tasti di scelta rapida e combinazioni che hai imparato in AutoCAD®, puoi configurare le stesse azioni in ARCHLine.XP.

dal cad al bim 4

Make extensive use of the ARCHLine.XP Hotkeys. Feel free to change them to something you are more familiar with

Comandi: Anche ARCHLine.XP usa i comandi, che sono intuitivi se si utilizzano elementi di base ('linea' per linea, 'muro' per muro, ecc.).

In conclusione, gli strumenti di disegno e le scorciatoie sono simili in AutoCAD® e ARCHLine.XP. Tuttavia, va notato che quest'ultimo software si concentra principalmente sulla gestione di elementi di costruzione 3D, basandosi meno frequentemente sui metodi di disegno sopra menzionati.

UTILIZZO DI DATI AUTOCAD® (DISEGNI E LAYER)

ARCHLine.XP importa i disegni .DXF .DWG ™, sia in forma 2D che 3D, utilizzando le librerie Teigha di Open Design Alliance. Ciò significa che è possibile utilizzare i disegni AutoCAD® esistenti (o dei propri collaboratori) in ARCHLine.XP per ulteriori lavori di modellazione. Si noti che durante l'importazione, potrebbe essere necessario definire le unità di disegno.

dal cad al bim 2

ODA-compliant .DWG™ and .DXF import - keep an eye on finding the right AutoCAD® unit interpretation

Una volta importato il disegno, vengono riconosciuti diversi elementi di disegno da AutoCAD® (polilinee, annotazioni, dimensioni) e trattati di conseguenza. Anche i layer sono riconosciuti, vedi la sezione “Gestione Layer” trattata sopra.
Una volta importato un disegno, ARCHLine.XP offre strumenti focalizzati al .DXF e .DWG ™ ('Wall on DWG'; 'porta tra 2 punti', ecc.) Per trasformare i disegni di linea AutoCAD® in entità architettoniche BIM intelligenti in modo rapido e semplice.

dal cad al bim 5

Wall on DWG turns your 2D line drawing into 3D walls

Inoltre, puoi utilizzare i blocchi AutoCAD® precedentemente disegnati in ARCHLine.XP (ad esempio, come rappresentazioni 2D di elementi 3D)

XREF

In ARCHLine.XP, puoi posizionare xref. Questi possono essere un altro disegno ARCHLine.XP o un disegno esterno, inclusi i file AutoCAD® .DWG ™. Ciò significa che puoi lavorare insieme ai tuoi colleghi, anche se utilizzano ad esempio altri software, AutoCAD® per esempio. Inoltre, se riceviamo un .DWG ™, che contiene già XREF, ARCHLine.XP è in grado di lavorare anche con loro.

TRASFERIRE IL PROPRIO ARCHIVIO E LE PROPRIE PREFERENZE

Quando si tratta di cambiare la workstation, è fondamentale poter portare con se i propri dati. ARCHLine.XP, proprio come AutoCAD®, offre la possibilità di trasportare sia i disegni che le impostazioni (con i Template) su un'altra workstation per successivi utilizzi.

COLLABORAZIONE (MEDIANTE EXPORT DI FILE)

Poiché AutoCAD® è intrinsecamente un software di disegno, offre una vasta gamma di formati di esportazione di disegni vettoriali, che è possibile utilizzare su una vasta gamma di altri software CAD e BIM, tra cui ARCHLine.XP, per successivi utilizzi. ARCHLine.XP offre capacità di esportazione / importazione .IFC certificate da BuildingSMART, il che significa che puoi lavorare con un'ampia varietà di prodotti software CAD e BIM, come Revit®, ArchiCAD®, Allplan®, VectorWorks®, ecc. il programma si collega ai modellatori 3D e ai prodotti software di rendering, come Lumion®, Artlantis®, Thea Render®, ecc. Ciò consente grandi opportunità di collaborazione.

dal cad al bim 7

Anche se non si lavora con collaboratori in modo continuativo, è fondamentale che il prodotto software utilizzato si colleghi a quante più piattaforme possibili, perché un progetto di costruzione è solitamente coperto da più soluzioni software.

FORMAZIONE

AutoCAD® vanta un'enorme quantità di materiale didattico reperibile in rete nei vari forum. ARCHLine.XP prevede una serie di tutorial completi, contenuti video, webinar e altri strumenti educativi, tutti realizzati dalla casa software e dai distributori locali, per facilitare la curva di apprendimento dell'utente.

CONCLUSIONI

Le principali somiglianze tra AutoCAD® e ARCHLine.XP sono basate su convenzioni di disegno standard del settore. Ciò significa che se si passa ad ARCHLine.XP con alcune conoscenze di AutoCAD® precedenti, non è necessario avviare nuovamente il processo di apprendimento. Un altro vantaggio è dato dal fatto che puoi usare i tuoi disegni AutoCAD® (o altri) disegnati in precedenza e la grande quantità di blocchi che potresti già avere.
La più grande differenza tra AutoCAD® e ARCHLine.XP è che quest'ultimo non si limita ad essere un software di disegno di linee, gestendo non solo disegni 2D, ma anche elementi di costruzione parametrici. Il vantaggio più significativo qui è che, utilizzando ARCHLine.XP, è possibile estendere le proprie competenze CAD al lavoro con elementi di costruzione 3D e, in sostanza, nel BIM. Quindi, facendo affidamento su ciò che già sai, puoi rimanere competitivo.
Tuttavia, va sottolineato che conoscere le competenze CAD sopra menzionate in anticipo non è un prerequisito in alcun modo - ARCHLine.XP fa del suo meglio per essere un software molto intuitivo, operando con un approccio per cui "ciò che vedi è ciò che ottieni". Avere esperienza AutoCAD® quando si lavora in ARCHLine.XP aiuta sicuramente molto, ma non è un requisito necessario.
Scopri di più su ciò che offre ARCHLine.XP.

Autodesk, AutoCAD, Revit, DWG, the DWG logo are registered trademarks or trademarks of Autodesk, Inc., and/or its subsidiaries and/or affiliates in the USA and other countries
© 2018 Autodesk Inc. All rights reserved

 

Il sito web di Cadline Software NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito leggi, di seguito, la nostra informativa sull’uso dei cookie.