500 F 100715682 OZo8L8ZLhavkZdrHiS6E9aXFPiCjAdVOPerchè una tecnologia abbia successo, devono essere fissati degli standard, dei protocolli e delle procedure, atti a fornire un criterio con cui ogni utente può accedere alla tecnologia stessa.

E per far si che il BIM abbia seguito, deve essere in grado di applicare questo concetto ed in particolare deve garantire che ci sia un formato comune per lo scambio di dati; in questo modo tutti coloro che dovranno creare o accedere ai dati dell'edificio non avranno problemi di accesso o non saranno obbligati ad utilizzare uno specifico software.

 

L'interoperabilità BIM può essere definita come la "capacità di gestire e comunicare i dati dei prodotti, materiali, e di tutte le componenti del progetto in formato digitale tra tutti coloro che nel tempo avranno a che fare professionalmente con l'edificio”.
Sono coinvolte tutte le figure che hanno competenze correlate ad esso e in tutto il suo arco di vita, dalla progettazione alla costruzione, dalla manutenzione alla gestione operativa e finanziaria.
Attualmente il livello di interoperabilità nell'industria delle costruzioni italiane è assolutamente inadeguato ed i problemi che esso determina possono difficilmente essere risolti se manca un sistema o un insieme di regole e principi che indichino in modo chiaro le specifiche sullo scambio dei dati.
A questo si aggiunge la confusione generata dall'introduzione di vasta gamma di espressioni e terminologie legate al BIM ed il numero crescente di applicazioni software che si rifanno ad essa, distogliendo l'attenzione dal concetto chiave del Building Information Modeling che è l'interoperabilità.

 

Il concetto OpenBIM


OpenBIM, tramite IFC, permette ai diversi soggetti coinvolti nel progetto di partecipare al processo di progettazione, costruzione, manutenzione BIM indipendentemente da quale software o strumenti stiano utilizzando.

OpenBIM è un'iniziativa in cui diversi fornitori primari di software contribuiscono a fissare i criteri per un approccio universale alla progettazione interoperativa e collaborativa, basata su standard aperti. Non si tratta di "cartello" di produttori, ma su un’organizzazione pubblica il cui unico scopo è fissare i protocolli "open" unici in grado di rendere reale il processo BIM.


Il concetto OpenBIM funziona come un sistema Cloud, nel quale tutti i partecipanti con le relative competenze e responsabilità sono in grado di operare in modo trasparente ed aperto tramite il formato IFC di OpenBIM.

 

OpenBIM è l'iniziativa che garantisce operativamente il BIM ed il fatto che sia una piattaforma aperta e molto promettente.
E’ poi responsabilità di tutti i fornitori di strumenti di supporto, e in primo luogo i fornitori di software, di muoversi verso un approccio perfettamente integrato.


Anche se ora l'uso del BIM e delle tecniche di collaborazione interoperativa è ancora limitata, l'adozione del formato IFC si traduce già in un notevole miglioramento e la, ormai prossima, transizione verso il BIM sarà un modo per portare i fornitori di software ad integrare lo standard IFC nella loro offerta di prodotti.

Il sito web di Cadline Software NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito leggi, di seguito, la nostra informativa sull’uso dei cookie.