5 Regole per “Progettare Sostenibile”

Progettazione Sostenibile?
Progettare un edificio in modo sostenibile significa integrare criteri di funzionalità, contenimento dei costi e risultati estetici, con fattori ambientali e di benessere.

Il Rocky Mountain Institute (RMI), un'organizzazione statunitense che si occupa di ricerca, pubblicazione, consulenza e studio nel campo generale della sostenibilità, ha definito 5 principi che ogni progettista e investitore dovrebbe considerare nella realizzazione di un progetto di sostenibile.

 

  1. Greenbuilding è una filosofia, non uno stile. L’architettura dell’edificio non deve passare in secondo piano ed essere dominata dagli elementi di sostenibilità. Le misure di efficienza e sostenibilità possono essere inserite in modo armonico o addirittura nascoste in qualsiasi soluzione progettuale.
  2. La pianificazione delle caratteristiche di sostenibilità sono fondamentali per ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo, è pertanto importante dedicare tempo, già durante la fase di progettazione, alla valutazione dell’impatto che elementi green dell’edificio possono dare alle performance finali. Ad esempio a parità di risultato ottenuto ai fini della certificazione LEED®, prevedere una data percentuale di verde in fase progettuale è sicuramente meno oneroso che implementare un Piano di Qualità dell’Aria Interna in fase costruttiva.
  3. Il controllo del budget. Un edificio sostenibile non è per forza costoso. Si può scegliere di spendere di più confidando su un rapido rientro dell’investimento, ma anche di spendere di meno grazie ai sistemi che si più evitare di inserire. Ad esempio utilizzando finestre energeticamente efficienti è possibile optare per sistemi di riscaldamento e raffrescamento più contenuti. In questo caso il maggior costo delle finestre è compensato da un minor costo dei sistemi energetici e diventa un risparmio se si considera la riduzione dei costi legati ai consumi.
  4. Un edifcio sostenibile va progettato a priori. Non si può progettare un edificio non sostenibile e poi decidere a posteriori di aggiungere tecnologie che migliorino l’efficienza dello stesso. (soluzioni per l’illuminazione naturale, materiali green). Aggiungere la sostenibilità alla fine significherebbe alzare i costi inutilmente e ottenere un edificio non veramente sostenibile, ma semplicemente con prestazioni leggermente migliori di un edificio tradizionale. Criteri come la collocazione, l’esposizione o l’impatto sull’ambiente circostante vanno necessariamente presi in considerazione fin da subito.
  5. Ridurre al minimo il consumo di energia deve essere l’obiettivo principale. Gli elementi della progettazione si possono infatti dividere in: 1. caratteristiche architettoniche finalizzate al risparmio energetico; 2. elementi dell’involucro per la conservazione dell’energia; 3. dispositivi meccanici ad alta efficienza energetica.

Dalla combinazione di questi tre elementi e dalla collaborazione dei progettisti, ognuno per gli aspetti di propria competenza, è possibile ottenere elevati livelli prestazionali. Dobbiamo ricordare che la sostenibilità non implica una presa di posizione netta ma è un percorso verso il meglio che si riesce a ottenere e gestire, compatibilmente con le aspettative della committenza e le caratteristiche funzionali dell’edificio. Un edificio dove sono stati introdotti solo alcuni elementi sostenibili ben progettati è molto meglio di uno che non ne ha.

Ogni anno decine di nuovi progetti vengono realizzati e certificati secondo standard di valutazione della sostenibilità edilizia. Ogni anno nuove tecnologie e prodotti energeticamente efficienti vengono messi sul mercato. Ogni anno nuove norme, codici e regolamenti di bioedilizia e sistemi di certificazione dei prodotti edilizi vengono pubblicati per dare slancio all’edilizia sostenibile. Sistemi di rating come LEED® vengono continuamente aggiornati e declinati per le varie destinazioni d’uso per meglio valutare le prestazioni ambientali ed energetiche di un edificio.

Fonti:

 

 

Il sito web di Cadline Software NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito leggi, di seguito, la nostra informativa sull’uso dei cookie.